+39 335 603 5773 avisvetralla@libero.it

Perché è così importante donare?

Il bisogno di sangue non si ferma mai: ogni giorno 1.800 persone necessitano di trasfusioni per poter sopravvivere. Perciò è importante dare il proprio contributo anche e soprattutto nei momenti di difficoltà come questo. Nonostante il coronavirus l’appello che AVIS fa è chiaro: vieni a donare sangue e plasma.

 

L’AVIS in tre punti

Cos'è l'AVIS?

L’AVIS è l’Associazione Italiana Volontari del Sangue, che è stata fondata a Milano nel 1927, si è costituita ufficialmente come Associazione nel 1945 e nel 1950 è stata riconosciuta con legge dello Stato.

Scopi dell'AVIS

L’AVIS concorre al raggiungimento dell’autosufficienza trasfusionale, mediante la sensibilizzazione dei cittadini alla donazione. Inoltre, essa provvede all’organizzazione e alla gestione dei donatori volontari associati. L’AVIS non si prefigge scopi di lucro.

Soci e organizzazione

Tutti i cittadini possono diventare soci AVIS, perché l’AVIS è di tutti: di chi dona e di chi la sostiene.

Sangue e plasma

In Italia ogni anno vengono trasfuse oltre 3 milioni di unità di emocomponenti (oltre 8.000 al giorno) e più di 800mila kg di plasma sono utilizzati per la produzione di farmaci plasmaderivati.

Protocolli anti Covid-19: scarica online il modulo per donare

Il modo più sicuro per donare

Puoi scaricare e compilare il modulo per donare comodamente da casa. Così eviti file e perdite di tempo.

Facile e veloce

Clicca sul pulsante qui sotto, effettua il download e stampa il file PDF.

La donazione in breve

Il sangue è un importantissimo tessuto non riproducibile in laboratorio che può salvare la vita di molte persone.

In Italia ogni anno vengono trasfuse oltre 3 milioni di unità di emocomponenti (oltre 8.000 al giorno) e più di 800mila kg di plasma sono utilizzati per la produzione di farmaci plasmaderivati.

Per diventare donatori occorre avere un’età compresa tra 18 anni e i 60 anni, un peso non inferiore a 50 Kg e godere di buona salute.

Soci

Soci donatori

Donazioni

Litri sangue donato

Testimonianze dei donatori

Anni fa dovetti essere operato per ricomporre una grossa frattura ad una gamba e l'ultimo ricordo prima di essere sedato sono le due sacche di sangue che avevo sul letto. Questo mi ha portato ad essere un donatore.

Marco, 55 anni

Ho iniziato a donare a marzo 2006 seguendo le orme di mia sorella. Ad oggi ho effettuato quaranta donazioni tra sangue, plasma e piastrine. Donare il sangue fa stare bene.

Grazia, 52 anni

Sono venuto in contatto con l'AVIS al Liceo durante un incontro per riflettere sull'importanza del sangue. Da allora non ho mai smesso di donare.

Luca, 25 anni

Ho iniziato a donare dopo che un mio caro amico aveva avuto bisogno di sangue per una malattia. Ora, per motivi di salute, non posso più farlo ma cerco di dare il mio contributo coinvolgendo altre persone. Il passaparola è importante.

Emilia, 53 anni

La mia migliore amica ha sempre voluto donare, dal momento che il nonno ha passato una vita intera a fare trasfusioni. A 18 anni la accompagnai in AVIS a donare, ma gli dissero che non avrebbe potuto, così l'ho fatto io al posto suo. Da quel giorno non ho più smesso.

Giorgia, 25 anni